Navigation

Sudan: la mutilazione genitale femminile ora è un crimine

In Sudan la mutilazione genitale femminile è diventata un crimine, punibile con tre anni di carcere. KEYSTONE/AP/BEN CURTIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 maggio 2020 - 17:19
(Keystone-ATS)

In Sudan la mutilazione genitale femminile è diventata un crimine, punibile con tre anni di carcere: è stato infatti approvato il testo di legge sospeso per decenni al parlamento di Khartoum.

Stime dell'Onu ritengono che l'87% delle donne fra i 14 e i 49 anni abbia subito la mutilazione genitale.

Finché il parlamento era controllato dal dittatore Omar el Bashr non è mai riuscito a portare in agenda la nuova legge, che punisce tanto la pratica clandestina quanto l'appoggio a strutture mediche. Tuttavia molti osservatori avanzano dubbi sull'efficacia della legge e se possa essere realmente fatta rispettare.

Un rapporto dell'Unicef condotto in 29 Paesi mediorientali e africani, 24 dei quali hanno leggi che proibiscono la pratica con diverse modalità, mostrano che la Mgf è ancora pratica largamente diffusa. Tuttavia, alcuni commentatori - rileva la Bbc - sono convinti che la legge in ogni caso potrebbe stimolare una discussione a tutti i livelli della società.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.