Sulle Alpi i ghiacciai si scioglieranno entro il 2100

Un ghiacciaio della valle d'Orsera, nel canton Uri. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2019 - 18:08
(SDA-ATS)

Entro il 2100 la maggior parte dei ghiacciai si scioglieranno sulle Alpi e in molte altre parti del mondo. Lo scioglimento dei ghiacci è inoltre sempre più veloce e fa salire il livello dei mari di 1 millimetro all'anno.

Sono questi alcuni dei risultati di uno studio diretto da ricercatori dall'Università di Zurigo e pubblicato sulla rivista Nature.

I ricercatori guidati da Michael Zem hanno combinato i dati relativi a 19'000 ghiacciai con quelli estrapolati dalle immagini satellitari. I risultati indicano che tra il 1961 e il 2016 i ghiacciai hanno perso 9000 miliardi di tonnellate di ghiaccio, provocando l'innalzamento degli oceani di 27 millimetri.

Ciò significa che i ghiacciai contribuiscono in misura più importante del previsto all'innalzamento del livello dei mari. In particolare, il periodo tra il 2006 e il 2016 ha contribuito da solo con circa 1 millimetro all'anno: un apporto che ha raggiunto più o meno quello della Groenlandia e ha superato quello dell'Antartide.

I ghiacciai rappresentano circa il 5% dei ghiacci distribuiti sul pianeta, il resto è costituito da Groenlandia e Antartide. Se le condizioni restano quelle attuali, entro il 2100 rimarranno probabilmente soltanto quelli che si trovano oltre i 3000 metri di quota.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo