Navigation

Suore a rischio sfratto si barricano in convento

Le suore non vogliono fare la valigia. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2020 - 19:13
(Keystone-ATS)

Un convento rischia di chiudere, come ormai accade da tempo in tutta Italia. Ma in questo caso le suore hanno deciso di opporsi alla decisione "barricandosi" dentro. Accade a Marradi, paese del fiorentino.

È il paese dove tra l'altro è nato il presidente della Conferenza Episcopale Italiana (Cei) e arcivescovo di Perugia, il cardinale Gualtiero Bassetti, come anche il poeta Dino Campana.

Nel monastero della Santissima Annunziata delle domenicane di clausura di Marradi sono rimaste in quattro, tre suore tra le quali una molto anziana e una novizia, tutte comunque intenzionate a non lasciare la loro casa. È noto che la crisi delle vocazioni stia svuotando ovunque i conventi e che si cerchi, lì dove si 'scenda' sotto le cinque unità, di accorparli o cambiare loro destinazione. Papa Francesco in passato aveva anche rivolto un appello agli istituti religiosi per accogliere migranti lì dove sono rimaste celle di monaci o monache vuote.

Ma le suore di Marradi non vogliono andare via e hanno trovato in questi mesi di annunciato "sfratto" anche la solidarietà di una parte degli abitanti del paese, tra cui Paolo Bassetti, ex sindaco, e anche cugino del presidente della Cei. Ieri c'è stato l'ennesimo tentativo (un altro ce ne era stato già a dicembre) di portare le suore via ma è andato a vuoto. Senza alcun preavviso, tre religiosi, tra cui due suore, hanno bussato al convento proprio con l'obiettivo di convincere le monache a fare le valigie. Le religiose però non hanno aperto a nessuno e alcuni abitanti, avvertiti dalle stesse monache, si sono recati a sostenerle, nel caso ce ne fosse stato bisogno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.