Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I vertici dell'esercito hanno informato i giornalisti.

KEYSTONE/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Tenendo conto delle circostanze, "sta fisicamente e psicologicamente bene" l'assistente di volo rimasto ferito nell'incidente occorso ieri sul San Gottardo a un Super Puma delle Forze aeree.

Lo ha indicato stamane in conferenza stampa a Berna il portavoce dell'esercito, Jürg Nussbaum. I due piloti sono morti nel crash.

Il comandante delle Forze aeree Pierre de Goumoëns ha da parte sua tenuto a ringraziare "per il loro comportamento esemplare" gli ufficiali francesi, che partecipavano a un'ispezione dell'OSCE, quelli svizzeri e i passanti che rischiando la vita hanno estratto dalle lamiere i tre occupanti prima che divampassero le fiamme.

I quattro ufficiali francesi "stanno bene", ha precisato a margine della conferenza stampa l'addetto militare francese, il colonnello Jean-Michel Meyer, aggiungendo che l'accompagnamento psicologico fornito dalle autorità elvetiche è stato eccellente.

I vertici delle Forze armate hanno ribadito che a questo stadio dell'inchiesta non è emerso alcun indizio che suggerisca una causa tecnica per l'incidente. Per questo motivo i Super Puma possono tornare a volare senza alcuna limitazione. È chiaro che l'apparecchio ha toccato un cavo dell'alta tensione, ma solo l'inchiesta, condotta dalla giustizia militare, potrà determinare se siano intervenuti altri fattori.

In una nota, il Dipartimento federale della difesa (DDPS) precisa che per i cosiddetti voli in montagna i piloti delle Forze aeree svizzere svolgono un'istruzione speciale e si allenano regolarmente nel contesto alpino anche dopo la conclusione dell'istruzione di base. Questi allenamenti comprendono tra l'altro atterraggi in alta montagna ed esercizi specifici al simulatore in condizioni difficili.

Intanto, questa mattina sono iniziate le vaste operazioni di recupero sul San Gottardo. Su incarico dell'esercito, nei pressi del luogo dell'incidente alcuni specialisti civili ripuliranno anche un torrente che è stato sporcato dall'acqua utilizzata per lo spegnimento.

Ieri attorno a mezzogiorno un elicottero Super Puma dell'esercito si è schiantato, poco dopo il decollo, sul passo del San Gottardo, a circa 50 metri dall'ospizio. I due piloti sono morti e un assistente di volo è rimasto ferito. In mattinata il comune di Illnau-Effretikon ha comunicato che una delle vittime era municipale della località zurighese.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS