Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Svizzeri continueranno a pagare 0,45 centesimi per chilowattora (kWh) per promuovere la produzione di elettricità verde nel 2013. I servizi di Doris Leuthard hanno deciso di mantenere questo supplemento al suo tasso attuale.

La legge permette al Consiglio federale di salire fino a un massimo di 0,9 cts/kWh nel 2013. Attualmente, questo limite non può essere sfruttato interamente, sebbene 19'000 progetti attendano d'essere sostenuti.

A spiegazione di ciò vi è, da una parte, il fatto che molti dei progetti di impianti eolici e idroelettrici già beneficiari della rimunerazione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica (RIC) sono ancora bloccati da lunghe procedure di autorizzazione. Dall'altra, che l'ampliamento degli impianti fotovoltaici secondo la legge sull'energia è ancora limitato da contingenti annui. È quanto si legge in una nota del Dipartimento federale dell'ambiente (DATEC).

Dei 0,45 cts/kWh, 0,35 cts/kWh sono destinati alla RIC e 0,10 cts/kWh alla protezione delle acque. Ciò permetterà di generare nel 2013 circa 200 milioni di franchi per il finanziamento delle misure secondo la legge sull'energia e circa 57 milioni di franchi per il finanziamento delle misure di protezione delle acque.

Dall'inizio del 2009, la Svizzera promuove la produzione di energia elettrica a partire da fonti rinnovabili mediante la RIC. Tutti i consumatori di corrente pagano un supplemento su ogni kWh. A partire dal 2012 si è poi aggiunto anche un supplemento per la protezione delle acque.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS