Navigation

Suva: tutti in palestra dopo le feste, ma occhio agli infortuni

Allenarsi va bene, ma con attenzione. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gennaio 2020 - 10:03
(Keystone-ATS)

Dopo le abbuffate delle feste, le palestre in questo periodo sono ben frequentate. Il 10% degli infortuni, ricorda la Suva, si verificano a gennaio, cercando di smaltire i chili di troppo accumulati.

Un allenamento adeguato e il rispetto dei propri limiti riducono però il rischio di farsi male. "Se si inizia ad allenarsi senza conoscere gli attrezzi o ci si pone obbiettivi immediati e troppo ambiziosi" aumentano le possibilità di infortunarsi, spiega, citata in un comunicato odierno, Corinne Decurtins, specialista in prevenzione della Suva.

Quasi il 40% delle lesioni avvengono infatti perché si sottopone il proprio corpo a uno sforzo eccessivo o a una sollecitazione errata. La Suva suggerisce dunque di non sollevare pesi esagerati, non ripetere troppe volte lo stesso esercizio e riscaldare a sufficienza i muscoli.9

Circa un terzo degli infortuni riguardano persone fra i 25 e i 34 anni. Le parti maggiormente interessate sono gambe, piedi e spalle e le conseguenze possono essere stiramenti, strappi e distorsioni.

Ogni anno si registrano in media 4200 infortuni in palestra. Allenarsi, sottolinea la Suva, fa bene e aiuta a mantenersi sani, ma, al posto dei buoni propositi di breve durata per l'anno nuovo, è meglio farlo con prudenza e a lungo termine. Inoltre, è consigliato scegliere un buon centro fitness, oltre che seguire una dieta sana ed evitare lo stress nella vita quotidiana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.