Navigation

Svelato mistero rettile con supercollo del San Giorgio: è acquatico

Il Monte San Giorgio è ricco di misteri e di storie affascinanti. KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2020 - 17:44
(Keystone-ATS)

Il tanistrofeo - il rettile dal lunghissimo collo trovato come fossile sul Monte San Giorgio, che tanto ha fatto discutere i paleontologi - era un animale acquatico.

È la conclusione cui giunge un gruppo di ricercatori internazionali guidati dell'Università di Zurigo (UZH) sulla base di avanzate tecnologie informatiche.

Da 150 anni gli studiosi si interrogano sulla funzione del collo dell'animale, di dimensioni smisurate, pari a tre volte il busto, ricorda l'ateneo zurighese in un comunicato odierno. Un collo di 3 metri - su una lunghezza totale di 6 - che può ricordare in particolare quello di una giraffa.

Attraverso una speciale tomogragia e una ricostruzione 3D è stato ora possibile constatare sul cranio della bestia, vissuta 242 milioni di anni or sono, chiari segnali di vita nell'acqua. Le narici si trovano sul lato superiore del muso, simili a quelle dei coccodrilli moderni. I denti sono lunghi e ricurvi, perfettamente adattati per catturare prede scivolose come pesci e calamari.

Ma gli arti e la coda mancano di adattamenti idrodinamici visibili, il che suggerisce che l'animale, appartenente all'ordine dei protosauri, non fosse un nuotatore particolarmente efficiente. "Probabilmente cacciava nuotando lentamente in acque torbide e avvicinandosi di nascosto alla sua preda", afferma il primo autore dello studio, il paleontologo dell'UZH Stephen Spiekman. "La testa piccola e il collo molto lungo lo aiutavano a rimanere celato il più a lungo possibile".

Gli specialisti hanno anche corretto un'interpretazione precedente, concernente fossili identificati sul Monte San Giorgio. Ritrovamenti di animali più piccoli avevano fatto pensare a esemplari giovani di tanistrofeo: ora però questi sono stati identificati come una specie diversa. Secondo Spiekman le due specie strettamente imparentate si sono evolute per utilizzare diverse fonti di cibo nello stesso ambiente: "Gli animali piccoli si sono probabilmente nutriti di crostacei come i granchi, mentre i grandi cacciavano pesci e calamari".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.