Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

STOCCOLMA - Principessa lei, personal trainer lui. Se la tradizione ci aveva abituato a cenerentole sottratte al lordo destino da principi azzurri, domani a Stoccolma i ruoli si invertiranno. E sarà lei, Vittoria di Svezia, erede al trono, a trasformare lui, Daniel Westling, ex insegnante di ginnastica, in principe.
La principessa e il personal trainer, insieme da otto anni, diranno sì nella cattedrale di Stoccolma davanti a 1.200 tra reali e dignitari provenienti da tutto il mondo. Poi, alla testa di un corteo che percorrerà tutta la città, per l'occasione completamente ricoperta di fiori e ritratti degli sposi, Vittoria e il suo 'cenerentolo' saluteranno le oltre 250mila persone che affolleranno le strade per toccare con mano una favola reale che solo la pioggia potrebbe rovinare.
Una folla di romantici controllata da oltre 7 mila uomini delle forze dell'ordine. Mentre lungo i canali saranno ormeggiate le navi da guerra in omaggio al breve tratto che i neo sposi percorreranno in battello fino al palazzo reale, dove si svolgerà il sontuoso ricevimento offerto dal re e dalla regina. Ma non solo: la polizia ha pensato anche di installare lungo il corteo di 7 chilometri, punti di accoglienza per i bimbi che sfuggiranno alle mamme intente a guardare la principessa e il suo sposo.
Se infatti per i sondaggi l'istituzione monarchica è sempre meno popolare in Svezia, in pochi, sembra, sono riusciti a resistere alla favola rosa di Vittoria, famosa soprattutto per essere riuscita a sconfiggere l'anoressia, e Daniel. Da mesi stampa e televisione in Svezia seguono morbosamente i preparativi e la "febbre da nozze" ha colpito quasi tutti tra dibattiti, gadget dedicati alla coppia e polemiche.
L'ultima è di oggi, con un reportage della radio svedese secondo la quale i cioccolatini "ufficiali", messi in vendita in scatole con le foto degli sposi, sarebbero stati realizzati con cacao raccolto da bimbi africani. E pensare che il ricavato di questi gadget sono destinati alla fondazione creata dalla principessa e dal suo futuro marito, destinata proprio alla tutela dell'infanzia.
Intanto c'è chi si chiede se la coppia gradirà i bizzarri regali già giunti a corte: oltre ai doni più classici come candelabri, piatti e i mille bicchieri donati dal parlamento e dal governo, a Vittoria e Daniel sono arrivate 100mila api, dono della federazione svedese degli apicoltori e una fornitura di lutfisk, pesce secco salato, molto popolare in Scandinavia.

SDA-ATS