Navigation

Svezia: ordinato arresto Assange per stupro

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 16:46
(Keystone-ATS)

STOCCOLMA - La giustizia svedese ha ordinato l'arresto di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, per accuse di stupro. "Abbiamo deciso di arrestarlo in contumacia", ha dichiarato il giudice Alan Camitz, del Tribunale di Stoccolma. "Sulla scorta di questa decisione della corte (...) sarà spiccato un mandato d'arresto internazionale", ha aggiunto da parte sua la procura.
La richiesta di arresto per Assange era stata depositata stamani presso il tribunale di Stoccolma dalla procura e riguarda l'accusa, formulata sulla base del racconto di due donne, di presunti stupro, molestie e "coercizione illegale".
Un mandato di arresto nei confronti di Assange era già stato spiccato il 20 agosto, ma era stato ritirato poche ore dopo.
La procuratrice incaricata dell'inchiesta, Marianne Ny, stamani aveva dichiarato che l'arresto si è reso necessario per poter "interrogare" Assange sui reati contestatigli. "La ragione della mia richiesta è che voglio interrogarlo, e sino a oggi non ci siamo riusciti", ha detto Ny.
La richiesta di arresto era stata definita stamani un "abuso di potere" teso alla "persecuzione" di Assange, dal co-fondatore di Wikileaks, Mark Stephens, in un comunicato ufficiale rilanciato via Twitter dallo stesso Wikileaks. Il sito nell'ultimo mese ha pubblicato 400'000 documenti, molti dei quali "scottanti", sulla guerra in Iraq dopo averne pubblicati altri 77.000 sulla guerra in Afghanistan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?