Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In tutta la Svizzera le temperature sono salite vertiginosamente quest'oggi e nei prossimi giorni oltrepasseranno i 30 gradi. La Confederazione e alcuni Cantoni mettono in guardia contro la canicola.

"Il tempo dovrebbe restare molto caldo fino ad almeno domenica", si legge sul portale concernente i pericoli naturali della Confederazione. A partire da oggi alcune zone della Svizzera sono segnate in rosso sulla cartina del sito: sono quelle a cui è attribuito un livello 4 su 5 sulla scala di pericolo di canicola. Ciò significa che l'ondata di caldo intenso durerà almeno 5 giorni e può essere dannosa per la salute.

La Svizzera occidentale e il Vallese saranno le zone più a rischio. Ma le regioni di Basilea e il Ticino accusano anch'esse un "pericolo forte" di canicola. Sono previste temperature massime comprese tra 32 e 35 gradi a sud delle Alpi a partire da giovedì, nella Svizzera romanda già da domani. Nella Svizzera occidentale, nel Vallese e nella regione di Basilea, le massime potranno toccare anche 37 gradi.

Sull'Altipiano e in una gran parte delle Alpi è atteso un livello 3 corrispondente a "pericolo moderato", ossia un minimo di tre giorni di caldo estremo.

A partire da venerdì, nella regione alpina sono attesi temporali serali isolati, portando un rinfresco però solo locale e temporaneo, spiega il portale.

La Confederazione, così come alcuni Cantoni, ha pubblicato una serie di raccomandazioni per far fronte a questo caldo intenso: limitare le attività all'aria aperta al mattino e alla sera, evitare se possibile sforzi fisici, restare in zone all'ombra, proteggersi dal sole con la crema solare e indossare vestiti chiari e leggeri.

È inoltre molto importante bere a sufficienza, almeno da 1,5 a 2 litri al giorno. È poi consigliato di compensare la perdita di sali e acqua nutrendosi di alimenti appropriati come meloni, cetrioli, pomodori, fragole e pesche. Può essere anche utile rinfrescarsi con docce o bagni e impedire al caldo di entrare nelle case oscurando le finestre durante il giorno e arieggiando durante la notte.

Le ondate di caldo sono diventate più frequenti durante gli ultimi decenni, costata MeteoSvizzera sul suo blog. Anche le regioni che non erano interessate da questo fenomeno in passato ora lo sono "regolarmente". Secondo scenari climatici previsti per la fine del secolo "un forte aumento di canicola è molto probabile".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS