Tutte le notizie in breve

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto un'inchiesta in Svizzera per riciclaggio di denaro e bloccato circa 160 milioni di franchi nel contesto dello smantellamento della banca portoghese Banco Espirito Santo (BES) (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/FRANCISCO SECO

(sda-ats)

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto un'inchiesta in Svizzera per riciclaggio di denaro e bloccato circa 160 milioni di franchi nel contesto dello smantellamento della banca portoghese Banco Espirito Santo (BES).

Nel settembre del 2014, sono state svolte diverse perquisizioni nell'ambito di questa procedura penale, aperta un mese più tardi, ha riferito all'ats il MPC, confermando informazioni al riguardo pubblicate oggi da "Le Matin Dimanche" e "SonntagsZeitung". L'autorità ha anche risposto a una richiesta di assistenza giudiziaria del Portogallo.

A causa dell'ampiezza delle indagini, nel maggio del 2015 è stato istituito un gruppo d'inchiesta comune con le autorità portoghesi, ha affermato il MPC precisando di non poter fornire ulteriori dettagli.

Secondo le informazioni dei due giornali domenicali, le indagini delle autorità svizzere riguardano anche l'ex direttore della filiale angolana della BES. Quest'ultimo è sospettato di riciclaggio di denaro. In Portogallo, è inoltre sospettato di aver partecipato ad una vasta truffa. Mentre dirigeva la filiale, l'istituto bancario avrebbe accordato in massa crediti non coperti, mai rimborsati. Anche lo stesso ex direttore, nonché la sua famiglia, ne avrebbero approfittato, nella misura di 500 milioni di dollari.

Nel 2014 lo Stato portoghese iniettò 4,9 miliardi di euro (5,2 miliardi di franchi) in BES e trasferì i suoi attivi sani in una nuova banca chiamata Novo Banco, allo scopo di salvare l'istituto e di evitare che la crisi in cui si trovava contaminasse l'intero settore finanziario del Portogallo. Le attività tossiche rimasero nella banca originaria, con un valore quasi nullo.

Lo Stato portoghese ha annunciato venerdì di aver ceduto il 75% di Novo Banco al fondo americano Lone Star. Quest'ultimo si è impegnato in una ricapitalizzazione da un miliardo di euro.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve