Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'accordo di libero scambio con la Cina è stato approvato a larga maggioranza dalla Commissione della politica estera del Consiglio Nazionale. La richiesta di prendere maggiormente in considerazione i diritti umani è stata scartata, come pure l'idea di sottoporre il testo al popolo.

La commissione ha proposto al plenum, con 14 voti contro 6 e due astenuti, di approvare l'accordo, si legge in un comunicato odierno. Sono stati in particolare discussi temi come i diritti umani, le condizioni di lavoro e l'inquinamento. L'idea della sinistra di inserire queste tematiche nel testo è stata però bocciata. Anche ulteriori proposte di tutelare maggiormente i diritti umani nel gigante asiatico sono state scartate.

Per gli accordi di questo genere, solitamente non è prevista la possibilità di referendum, in quando non vi sono modifiche di legge rilevanti. Non sono previste eccezioni per il caso cinese: con 15 voti contro 6, la commissione ha respinto l'idea di una consultazione popolare.

L'intesa con Pechino, un imponente volume di oltre 1100 pagine, è il risultato di due anni e mezzo di trattative. Per favorire gli scambi, sono stati decisi abbassamenti dei dazi per i prodotti industriali e agricoli. Al contempo, la Svizzera ha ottenuto la difesa di diversi prodotti agricoli sensibili, ricevendo l'appoggio dell'Unione svizzera dei contadini.

Il testo è stato accolto positivamente anche nel settore dei servizi. Le aziende elvetiche dovrebbero infatti trarne vantaggio, in particolare rispetto a tutti i paesi che non hanno alcun accordo con la seconda potenza economica mondiale. Nell'intesa non si fa menzione dei diritti umani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS