Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'economia elvetica si aspetta ulteriori impulsi con l'entrata in vigore domani dell'accordo di libero scambio con la Cina. Già ora il paese asiatico rappresenta il sesto mercato d'esportazione per importanza - mentre era solo il 39esimo nel 1980 - e il quarto maggior fornitore della Svizzera (35esimo).

Negli ultimi anni gli scambi commerciali tra i due paesi sono progrediti esponenzialmente: mentre le importazioni dalla Cina sono quintuplicate tra il 2000 e il 2013, le esportazioni sono perfino sestuplicate, scrive l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) in una nota odierna. Lo scorso anno la Confederazione ha importato beni per 11,4 miliardi di franchi e ne ha esportati per 8,8 miliardi. Ne risulta un deficit commerciale di 2,7 miliardi.

A vendere maggiormente nell'"impero di mezzo" è stata l'industria chimica e farmaceutica: il 29% delle esportazioni totali - pari a 2,5 miliardi di franchi - sono andate in Cina. Segue il settore degli strumenti di precisione, orologi e gioielleria (28%, 2,461 miliardi). Stando all'AFD, il colosso asiatico è il terzo maggior acquirente di orologi svizzeri al mondo. Il ramo delle macchine e dell'elettronica registra una quota del 26% (2,3 miliardi) dell'export totale. Nel 1990 quest'ultimo settore forniva ancora oltre i tre quarti delle esportazioni, tuttavia allora il volume era nettamente inferiore: 302 milioni di franchi contro i 2,3 miliardi del 2013.

Quanto alle importazioni, la quota maggiore è del ramo delle macchine e dell'elettronica - soprattutto computer e cellulari -, pari al 43% del totale o 4,9 miliardi di franchi. Al secondo posto vi sono acquisti nel settore dei vestiti, dei tessili e delle scarpe: la quota è scesa dal 46% nel 1990 al 18% (2 miliardi). Tuttavia la contrazione è relativa, visto che ora la Confederazione acquista nel paese asiatico dieci volte più di questo genere di beni rispetto a quasi 25 anni fa.

SDA-ATS