Navigation

Svizzera critica Usa, "pena di morte va abolita"

La decisione degli Usa ha suscitato la reazione sdegnata di Berna. KEYSTONE/EPA/TANNEN MAURY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2020 - 11:51
(Keystone-ATS)

La Svizzera si schiera contro la reintroduzione a livello federale della pena di morte negli Stati Uniti. Berna respinge l'utilizzo delle esecuzioni capitali "in ogni circostanza" e si impegna per "un'abolizione a livello universale".

"Deploriamo la decisione degli Usa di riprendere le esecuzioni federali dopo un'interruzione di 17 anni", scrive in un breve tweet il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Il via libera a tale pratica è stato dato a fine giugno, mettendo termine alla moratoria scattata nel 2003.

Il semaforo verde è giunto dopo che la Corte Suprema americana ha optato per non intervenire in merito al ricorso di quattro detenuti nel braccio della morte, che si erano opposti all'iniziativa voluta dall'amministrazione del presidente Donald Trump. Ai galeotti verrà somministrato un solo farmaco, il pentobarbital.

La prima condanna è stata eseguita tre giorni fa con l'iniezione letale che ha ucciso Daniel Lee, un suprematista bianco accusato di aver sterminato una famiglia in Arkansas. Ieri è toccato invece a Wesley Purkey, del Kansas, ritenuto colpevole di aver assassinato a martellate un'anziana disabile, oltre che di aver rapito e ammazzato una 16enne, della quale ha poi smembrato e bruciato il corpo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.