Navigation

Svizzera e Austria vogliono fare passi avanti sul clima

Sommaruga e Van der Bellen faccia a faccia in un mezzo di trasporto pubblico KEYSTONE/APA/BUNDESHEER/MTF,HKT k_sim sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 17:16
(Keystone-ATS)

La Svizzera e l'Austria vogliono fare passi avanti sul clima. Lo hanno dichiarato oggi a Vienna la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e il suo omologo austriaco Alexander Van der Bellen.

Nel corso dei colloqui è stata affrontata anche la questione delle relazioni tra Berna e l'Ue.

"Sappiamo ciò che deve essere fatto e possiamo pure sottolineare le opportunità commerciali", ha detto Van der Bellen, riferendosi al settore fotovoltaico.

La Svizzera è presa molto sul serio a livello europeo sulle questioni ambientali e ha già fatto molto in questo ambito, ha rilevato il presidente austriaco, membro dei Verdi.

Dal canto suo, Simonetta Sommaruga ha ammesso che l'energia solare può essere ancora sviluppata nei due Paesi. "Le cellule fotovoltaiche non sono un inconveniente, bensì possono offrire molto", ha sottolineato la consigliera federale.

Sommaruga in treno di notte

Entrambi i Paesi sono estremamente interessati a prendere misure concrete per la protezione del clima, ha proseguito il presidente austriaco. Van der Bellen ha reso omaggio a Simonetta Sommaruga, che si è recata a Vienna in treno di notte e farà lo stesso per il ritorno a Berna. "Per talune distanze, il treno è sicuramente una buona alternativa al trasporto aereo", ha rilevato.

La Svizzera punta alla neutralità in fatto di carbone entro il 2050, ha ricordato la ministra dell'ambiente, mentre l'Austria mira a questo obiettivo verso il 2040. "Per arrivarci dobbiamo cominciare già oggi e dobbiamo fare di più", ha sottolineato Sommaruga.

"Relazioni stabili" con l'Ue

Per quanto attiene alle relazioni tra la Svizzera e l'Unione europea, la presidente della Confederazione ha dichiarato che il governo è interessato a "relazioni stabili" e auspica "un accordo". Quest'ultimo deve tuttavia essere accettabile per la popolazione. L'accordo quadro è per ora in sospeso nell'attesa del voto sull'iniziativa di limitazione dell'immigrazione dell'UDC, previsto in maggio.

Il viaggio di Simonetta Sommaruga rientra nella tradizione secondo la quale la Svizzera e l'Austria coltivano i loro contatti a livello presidenziale all'inizio di ogni anno, ha ricordato sul proprio sito il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Nel programma austriaco della presidente della Confederazione v'è pure un incontro di cortesia con il presidente della camera dei rappresentanti, il Nationalrat, Wolfgang Sobotka (Partito popolare/ÖVP, conservatore), e un colloquio con il cancelliere Sebastian Kurz (ÖVP), sugli "ambiziosi obiettivi economici e ambientali" del nuovo governo austriaco.

Governo appena entrato in carica

In Austria il secondo governo Kurz è appena entrato in carica, il 7 gennaio. È il primo con una rappresentanza verde: dieci ministri appartengono all'ÖVP e quattro sono ecologisti.

Dal 2015 gli scambi commerciali tra i due Paesi (merci e servizi) superano i 20 miliardi di euro (21,4 miliardi di franchi). La Svizzera è il quarto principale partner commerciale dell'Austria, sia in termini di esportazioni che di importazioni. Alla fine del 2018 risiedevano in Austria 16'301 cittadini elvetici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.