Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri svizzero Didier Burkhalter e il suo omologo del Kuwait Sheikh Khaled Al Hamad Al Sabah.

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

Collaborare più intensamente nel campo della cooperazione allo sviluppo: lo hanno deciso il consigliere federale Didier Burkhalter e il suo omologo del Kuwait, Sheikh Al-Hamad Al-Sabah, che hanno firmato un memorandum di intesa in un incontro oggi a Berna.

L'incontro è avvenuto nel quadro delle celebrazioni per i 50 anni di relazioni bilaterali tra i due Paesi, informa un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Il Kuwait è un attore di primo piano nel campo dell'aiuto allo sviluppo soprattutto in Siria, dove il suo contributo in termini di assistenza umanitaria è uno dei più generosi tra tutti quelli dei donatori bilaterali.

La Svizzera, dal canto suo, mette a disposizione la sua lunga esperienza e le sue competenze nell'impiego efficace ed economicamente efficiente degli aiuti allo sviluppo, segnala ancora il DFAE.

I due ministri degli esteri - il kuwaitiano è anche vicepremier - hanno affrontato anche temi internazionali come la stabilità nella regione, i flussi migratori e i diritti umani, convenendo che "il dialogo e il negoziato sono l'unico modo per risolvere i conflitti nella regione". Entrambi i Paesi si impegnano dunque nell'attività di mediazione e facilitazione.

Nel corso dell'incontro si è parlato pure di questioni economiche, tra cui l'attuazione dell'Accordo di libero scambio tra i Paesi dell'AELS e quelli membri del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG), e la promozione di scambi commerciali e investimenti.

Questi due aspetti sono stati approfonditi durante una tavola rotonda organizzata dalla SECO al termine delle celebrazioni ufficiali, alla presenza della segretaria di Stato Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch. Il ministro kuwaitiano ha compiuto anche una visita di cortesia al presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann e ha incontrato nel pomeriggio la presidente del Consiglio nazionale Christa Markwalder.

Svizzera e Kuwait - indica il DFAE - hanno ottimi rapporti amichevoli dal 1961, anno in cui l'Emirato ottenne l'indipendenza, e i due Paesi intrattengono relazioni diplomatiche ufficiali dall'apertura del consolato svizzero a Kuwait City nel 1966.

La Svizzera è una destinazione turistica e di studio molto apprezzata dai kuwaitiani e il Kuwait è un importante mercato di esportazione per beni e servizi svizzeri: nel 2015 le imprese elvetiche hanno esportato merci per un valore di circa 450 milioni di franchi, principalmente orologi (29%), prodotti farmaceutici (28%), pietre, metalli preziosi e gioielli (15%) e macchinari (12,5%).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS