Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera e le Seicelle hanno firmato a Bruxelles un accordo sullo scambio di informazioni in materia fiscale. L'intesa dovrebbe permettere allo stato insulare dell'Oceano indiano di incassare imposte su una base più ampia e contribuisce al rafforzamento della cooperazione allo sviluppo, scrive il Dipartimento federale delle finanze (DFF) in un comunicato odierno.

Berna ha sottoscritto convenzioni di questo tipo - Tax Information Exchange Agreement (TIEA) - con sette Stati. Oltre alle Seicelle, si tratta di Andorra, Groenlandia, Jersey, Guernsey, Isola di Man e San Marino. La Confederazione prosegue i negoziati con altre nazioni interessate a tali accordi.

I TIEA e le Convenzioni per evitare la doppia imposizione (CDI) - spiega il DFF - sono in linea di principio strumenti equivalenti per convenire una clausola di assistenza amministrativa conforme allo standard internazionale. A differenza delle CDI, che sono prioritariamente intese a evitare la doppia imposizione e contengono dunque varie disposizioni, i TIEA si limitano a disciplinare lo scambio di informazioni su domanda.

SDA-ATS