Navigation

Svizzera esorta Iran e Stati Uniti ad evitare ogni "escalation"

Il generale iraniano Qasem Soleimani (al centro) in una foto risalente al settembre 2018 (Archivi) KEYSTONE/EPA/AT GT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 gennaio 2020 - 14:36
(Keystone-ATS)

Dopo l'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani la scorsa notte a Baghdad in un attacco americano, oggi la Svizzera ha lanciato un appello alla calma. Berna ha esortato Iran e Stati Uniti ad evitare ogni "escalation".

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha confermato all'agenzia Keystone-ATS che il Ministero degli esteri iraniano ha convocato il capomissione dell'ambasciata svizzera in Iran. Washington e Teheran non hanno rapporti diplomatici ed è Berna a curare gli interessi americani in Iran e quelli iraniani negli Usa.

Al diplomatico elvetico è stato detto che "l'assassinio del generale Soleimani" è un "palese esempio del terrorismo di Stato americano, e che il regime statunitense è pienamente responsabile delle conseguenze dell'atto", ha indicato su Twitter un portavoce del Ministero degli esteri iraniano.

Due giorni fa, mercoledì, Teheran aveva già convocato un diplomatico svizzero: gli era stato detto che gli Stati Uniti dovevano cessare le "assurde" accuse a Teheran di aver fomentato il violento attacco di manifestanti all'ambasciata americana a Baghdad. L'Iran aveva affermato di non volere un conflitto ma di essere pronto a difendersi dai "guerrafondai".

La protesta iraniana era giunta dopo che il presidente americano Donald Trump aveva puntato il dito contro Teheran, dichiarando su Twitter che avrebbe pagato caro l'attacco all'ambasciata.

Stati Uniti e Iran hanno rotto i rapporti diplomatici da quando un gruppo di studenti prese in ostaggio nel 1979 il personale dell'ambasciata americana a Teheran.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.