Navigation

Svizzera-Germania: firmato l'accordo sulla vertenza fiscale

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 agosto 2011 - 12:12
(Keystone-ATS)

Svizzera e Germania hanno trovato una soluzione nella vertenza fiscale: in futuro, le banche elvetiche preleveranno un'imposta liberatoria (imposta alla fonte) del 26% sui redditi dei capitali dei cittadini tedeschi. Per i patrimoni in gestione da numerosi anni, le banche svizzere verseranno un risarcimento forfettario di due miliardi di franchi. Berna e Berlino hanno parafato oggi un accordo in questo senso.

Nel corso dei negoziati, entrambe le parti si sono accordate su un'aliquota del 26%, come anticipato da vari organi d'informazione. Sui redditi da capitale la Germania applica un tasso del 25%. In futuro, evasori fiscali tedeschi non risparmieranno dunque più depositando i loro capitali in Svizzera, ma resteranno comunque anonimi.

I capitali in nero che da anni sono depositati su conti in Svizzera dovrebbero essere regolarizzati attraverso un versamento una tantum alla Germania di un'imposta liberatoria. A seconda del genere e della provenienza del reddito, l'aliquota fiscale oscillerà tra il 19 e il 39 percento. Oltre a ciò, le banche dovranno anticipare, a titolo di risarcimento, un importo forfettario di due miliardi di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?