Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera invia nei Balcani apparecchiature per garantire l'approvvigionamento di acqua potabile alle vittime delle inondazioni degli ultimi giorni. Il primo carico giungerà oggi a destinazione, precisa un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Grazie a queste apparecchiature sarà possibile fornire acqua potabile a 10'000 persone, precisa la nota.

Otto esperti del Corpo svizzero di aiuto in caso di catastrofe si trovano già nelle zone sinistrate, cinque in Bosnia e tre in Serbia. Domenica saranno raggiunti da altri colleghi.

L'aiuto umanitario della Confederazione ha sbloccato mezzo milione di franchi per aiutare, tramite le organizzazioni attive sul posto, le persone colpite dalle inondazioni nella penisola balcanica.

SDA-ATS