Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera partecipa a un programma della Banca mondiale per la promozione della trasparenza e della buona governance nel settore delle materie prime.

Il consigliere federale Johann Schneider-Ammann firmerà mercoledì un accordo in questo senso nel quadro dell'incontro dei membri dell'Extractive Industry Transparency Initiative (EITI) che si terrà nei prossimi giorni a Berna.

Berna contribuirà con 2 milioni di franchi al programma da complessivi 84 milioni di dollari, denominato "Extractive Global Programmatic Support" (EGPS) che fornisce sostegno tecnico ai paesi in via di sviluppo e garantisce il trasferimento di sapere e competenze, indica la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) in un comunicato diffuso oggi.

L'EITI promuove la trasparenza e l'assunzione di responsabilità per quanto riguarda la gestione delle risorse naturali tramite la creazione di uno standard globale, implementato già da 48 paesi e sostenuto da oltre 90 imprese estrattrici e 900 organizzazioni della società civile.

La Svizzera sostiene l'EITI dal 2009 tramite la partecipazione al board e il finanziamento di due fondi fiduciari amministrati dalla Banca mondiale che aiutano gli Stati a realizzare l'iniziativa. Inoltre, contribuisce a un fondo fiduciario amministrato dal Fondo monetario internazionale che fornisce consulenza ai ministeri delle finanze sulla gestione delle entrate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS