Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante le dichiarazioni polemiche di Recep Tayyip Erdogan nei confronti di alcuni Stati europei, la Commissione della politica estera del Nazionale esorta a continuare il dialogo con la Turchia

Keystone/AP Pool Presidential Press Service/YASIN BULBUL

(sda-ats)

La Commissione della politica estera del Consiglio nazionale (CPE-N) ha proposto, senza opposizioni, di non dare seguito alla petizione "Per la pace, la libertà e i diritti dell'uomo in Turchia".

Ha comunque invitato la Svizzera a proseguire i suoi dialoghi con le autorità di Ankara.

La commissione si è infatti definita "preoccupata dell'evoluzione della situazione politica in Turchia". A inquietare i suoi membri sono soprattutto le limitazioni dei diritti dell'uomo e della libertà d'espressione.

Tuttavia, la CPE-N ha rilevato che le richieste degli autori della petizione siano già state soddisfatte. Il governo elvetico infatti esorta regolarmente quello turco a rispettare i propri impegni internazionali in materia di diritti dell'uomo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS