Navigation

Svizzera-Siria: rafforzate le sanzioni contro Damasco

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2011 - 14:34
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale ha aggiunto ieri dodici siriani, fra cui il ministro della difesa Ali Habib Mahmoud, alla lista di persone con interdizione del visto per la Svizzera e congelamento dei beni. Anche quattro imprese, fonte di finanziamento del regime, sono state inserite nell'elenco.

L'ordinanza del governo conta ora in totale 35 persone fisiche e quattro persone giuridiche, ha indicato la Segreteria di stato dell'economia (SECO) in un comunicato odierno. È la prima volta che i provvedimenti colpiscono delle aziende: tre di esse sono controllate da persone facenti parte dell'entourage del presidente Bashar Al-Assad, anch'egli colpito dalle sanzioni.

Le modifiche, che entreranno in vigore domani, permettono alla Svizzera di allinearsi alle decisioni prese dall'Unione europea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?