Navigation

Svizzera-UE: dossier rimane nelle mani dei commissario Hahn

Il commissario Johannes Hahn KEYSTONE/EPA/OLIVIER HOSLET sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2019 - 12:05
(Keystone-ATS)

Il dossier dei rapporti tra Svizzera e UE dovrebbe rimanere nelle mani del commissario europeo Johannes Hahn. È quanto ha dichiarato oggi la consigliera nazionale Elisabeth Schneider-Schneiter (PPD/BL).

L'esecutivo comunitario non ha ancora confermato ufficialmente questa informazione. La consigliera nazionale ha partecipato al Congresso del Partito popolare europeo (PPE) a Zagabria, dove ha avuto l'opportunità di parlare con vari politici europei, nonché con la presidente designata della Commissione Ursula von der Leyen.

"Ursula von der Leyen mi ha confermato che Hahn continuerà ad occuparsi della questione", ha spiegato la deputata, che ha anche avuto un incontro di un'ora con l'austriaco Hahn dedicato in particolare all'accordo quadro istituzionale.

Johannes Hahn, nella commissione uscente di Jean Claude Juncker, era responsabile della politica di vicinato e dei negoziati per l'allargamento, e nel futuro esecutivo guidato da von der Leyen passerà al bilancio. Responsabile dell'allargamento sarà l'ungherese Oliver Varhelyi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.