Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Basandosi su una nuova ordinanza Berna ha vietato per la prima volta l'esportazione di apparecchi di spionaggio elettronico: autorità statali di Vietnam e Bangladesh volevano acquistare da ditte svizzere cosiddetti Imsi-catcher.

La Segreteria di stato dell'economia (SECO) ha confermato oggi informazioni di stampa al riguardo.

Gli Imsi-catcher, chiamati anche in italiano "cacciatori di Imsi (International Mobile Subscriber Identity)" sono dispositivi che, simulando una normale antenna telefonica, consentono di intercettare il traffico dei telefoni cellulari e di pedinare i movimenti dei loro possessori.

Secondo quanto scrivono oggi la "Neue Luzerner Zeitung" e il "St. Galler Tagblatt", la SECO, d'accordo con i dipartimenti federali degli Affari esteri (DFAE) e della Difesa (DDPS), ha respinto le richieste di esportazione presentate dalle ditte svizzere, temendo un abuso degli apparecchi in questione nei due paesi asiatici.

"C'è motivo di pensare che i destinatari possano usare gli apparecchi a fini di repressione", secondo Jürgen Böhler, responsabile alla SECO per i controlli dell'export.

Il divieto di simili esportazioni è possibile soltanto dal 13 maggio scorso, quando il Consiglio federale ha imposto per via di ordinanza norme più severe per il trasferimento all'estero di beni destinati alla sorveglianza di internet e della telefonia mobile.

Con gli Imsi-catcher si può per esempio sapere chi si trova in un dato momento in un posto determinato. Regimi repressivi possono così appurare chi ha partecipato a una manifestazione.

Mentre sono state vietate le esportazioni di Imsi-catcher verso Bangladesh e Vietnam, hanno invece avuto via libera quelle per altri paesi. Secondo la SECO, sono state autorizzate quelle verso Filippine, Kuwait e Libano.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS