Navigation

Svizzeri in ferie: Ticino quarto, Grigioni primi, sondaggio

Il lungolago di Ascona lo scorso 17 maggio. KEYSTONE/Ti-Press/Samuel Golay sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2020 - 18:11
(Keystone-ATS)

La maggioranza degli svizzeri ha intenzione di passare questa estate le vacanze nella Confederazione. Il Ticino, con il 30,1% delle preferenze, è la quarta destinazione più gettonata, mentre i Grigioni sono primi con il 44%.

Un sondaggio online realizzato su un campione di 1700 persone ripartite in tutti i cantoni, ha rivelato che l'83% degli svizzeri sta pianificando le vacanze. Il 71% ha intenzione di rimanere in Svizzera per sostenere l'industria turistica locale.

Il tasso di svizzeri che intende rimanere nella Confederazione sale al 95% in Ticino e a Ginevra, i cantoni di frontiera maggiormente toccati dalla pandemia, indica in una nota l'agenzia mindnow di Zurigo. La percentuale più bassa si registra invece nel canton Svitto (58%).

Le mete a cui gli svizzeri pensano di dare la preferenza sono i Grigioni, davanti all'Oberland bernese (34,5%), al Vallese (31%) e al Ticino. Il 64% degli gli intervistati ha intenzione di viaggiare in auto, mentre il 48% dice di non avere problemi a salire su un aereo.

Il lungo isolamento sta avendo un impatto anche sul tipo di vacanze. Ciò che gli svizzeri desiderano di più sono ferie all'insegna del benessere e dello sport. Il 17% degli intervistati vorrebbe fare una vacanza in campeggio, anche se questi ultimi sono ancora chiusi.

Fiducia nell'Italia

L'Italia, diventata il primo epicentro della pandemia in Europa è stato il Paese che ha imposto le più drastiche restrizioni alla propria popolazione. Queste misure sembrano dare la necessaria fiducia agli svizzeri, che per il 24,1% indicano proprio l'Italia come la destinazione turistica più popolare all'estero. Seguono la Grecia, con il 18% e la Spagna con il 17,6% delle preferenze.

Visto che le frontiere sono ancora in gran parte chiuse, non sorprende però che la maggioranza degli intervistati, ossia il 64,5%, abbia intenzione di rinviare i viaggio all'estero fino all'autunno.

Per il sondaggio rappresentativo, l'agenzia mindnow ha tenuto conto delle risposte date tra il 22 e il 25 maggio da 1700 persone tra i 18 e gli 80 anni d'età. Il 53% erano donne e il 47% uomini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.