Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giovani al lavoro

Keystone/GUIDO ROEOESLI

(sda-ats)

La Svizzera figura al sesto posto a livello mondiale quanto a soddisfazione dei salariati sul posto di lavoro: oltre il 78% di quelli interrogati in un sondaggio della società Randstad si sono detti soddisfatti o persino molto soddisfatti.

I dipendenti "cercano innanzitutto un impiego che offra loro prospettive, un clima di lavoro piacevole, un salario giusto come pure buone prestazioni sociali e una sicurezza dell'impiego a lungo termine", rileva in una nota diramata oggi Nathalie Zihlmann, direttrice delle risorse umane di Randstad Svizzera, società specializzata nella intermediazione di personale.

La Svizzera condivide il sesto posto a livello mondiale con Stati Uniti, Paesi Bassi e Spagna, stando allo studio di Randstad, i cui risultati non mancano di stupire.

I dipendenti più soddisfatti lavorano infatti in India (84%) e Messico (83%). Nella classifica seguono Austria (81%), Norvegia (81%) e Danimarca (81%). Agli ultimi posti la Cina, con solo il 57% di soddisfatti, il Giappone (40%) e Hong Kong (46%). In Germania il tasso di soddisfatti è del 75%, in Italia del 67%.

Sempre in Svizzera, soltanto l'8% degli interpellati si sono dichiarati insoddisfatti o molto insoddisfatti, mentre il rimanente 14% ha espresso una posizione "neutra". Lo studio rivela anche che solo il 9% dei partecipanti elvetici al sondaggio cerca attivamente un nuovo impiego. Un altro 19% "sarebbe tentato da una nuova sfida professionale, ma non cerca (ancora) attivamente un impiego".

Sono soprattutto i giovani tra i 18 e i 24 anni ad esprimere il maggior bisogno di cambiare posto di lavoro. Il 27% di loro pensa addirittura di cambiare professione.

L'indagine rivela ancora che solo il 4% dei lavoratori svizzeri sondati teme di perdere il posto di lavoro nei prossimi sei mesi. Questo risultato pone la Svizzera ai primi posti nella classifica. Il timore di perdere l'impiego risulta particolarmente diffuso in India (27%), Cina (13%) e Malaysia (12%).

Il Randstad Satisfaction Index è pubblicato quattro volte all'anno dal 2003. In ciascuno dei 33 paesi considerati dall'inchiesta, effettuata tramite questionari online, sono interrogati almeno 400 salariati tra i 18 e i 65 anni su argomenti che riguardano il mercato del lavoro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS