Navigation

Svizzeri vogliono viaggiare malgrado il clima, dicono agenzie

Il mare, la spiaggia, le onde... serve qualcosa di più? KEYSTONE/EPA ANP/ROBIN UTRECHT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 14:42
(Keystone-ATS)

Le agenzie di viaggio non dovrebbero soffrire a causa dell'attuale dibattito sul clima: un sondaggio realizzato dall'associazione del ramo, la Federazione Svizzera di Viaggi (FSV), presso i più grandi operatori, mostra infatti che la voglia di vacanze c'è sempre.

Cresce comunque l'interesse per varianti di viaggio a minor impatto ambientale.

Tutti sono concordi su un punto: il 2020 si annuncia come un buon anno, afferma in un comunicato odierno la FSV, che ha tastato il posto al settore contattando Kuoni, Helvetic Tours, Hotelplan, TUI Suisse, Knecht Reisen, ITS Coop Travel e Globetrotter.

La discussione sul clima non cambia le coordinate fondamentali, ma la sua influenza non va negata: "la gente desidera viaggiare, ma vuole farlo in modo più consapevole", afferma Markus Flick, portavoce del gruppo Der Touristik Suisse, che ingloba Kuoni e Helvetic Tours, citato nella nota di FSV. Sono per esempio sempre più numerosi i clienti che cercano hotel rispettosi dell'ambiente.

Anche Hotelplan ritiene che il tema dell'ecologia rimarrà centrale: ha per esempio pubblicato in novembre un catalogo dedicato esclusivamente ai viaggi in treno. Tui Suisse sottolinea da parte sua come i clienti si interessino sempre di più di voli con la compagnia TUIfly, la cui impronta ecologia viene definita ridotta. In generale in materia di mezzi di trasporto gli operatori notano una tendenza molto lieve verso il treno. I clienti sono invece tuttora poco propensi a compensare le emissioni di CO2 dei loro viaggi in aereo.

La stessa FSV si dice cosciente della sua responsabilità sociale. "Una natura viva e un ambiente intatto costituiscono i pilastri degli affari legati ai viaggi", sottolinea il direttore Walter Kunz. Per questa ragione l'organizzazione sostiene la politica climatica del governo.

Per quanto riguarda le mete delle vacanze, il 2020 sarà nella scia del 2019: Spagna, Cipro, Turchia, Egitto, Grecia, ma anche Stati Uniti, Caraibi, Maldive, Thailandia, Canada. I prezzi? Resteranno più o meno invariati, assicurano gli operatori. In alcune destinazioni europee i clienti potranno eventualmente approfittare di piccoli sconti, che saranno comunque annullati dall'aumento delle tariffe imposte dai fornitori di prestazioni locali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.