Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno svizzero di 54 anni è morto la scorsa notte in un albergo dell'isola di Phuket, nel sud della Thailandia, incastrato tra la cabina e il pozzo di un ascensore difettoso.

Ne dà notizia il sito online del settimanale locale "The Pukhet News", indicando che l'ambasciata elvetica è stata avvertita.

Le circostanze dell'incidente, avvenuto stamane verso le 2.30 locali (le 20.30 di ieri sera in Svizzera) in un albergo della spiaggia di Patong, sono ancora oscure. A dare l'allarme è stata una receptionist che aveva udito grida di aiuto.

Quando i soccorritori sono riusciti con molta difficoltà ad aprire la porta dell'ascensore al terzo piano, hanno trovato lo svizzero ormai morto, incastrato a testa in giù tra la cabina e il pozzo, in modo tanto saldo che era impossibile estrarlo. Hanno così fatto scendere il lift nella speranza di liberarlo, ma hanno potuto infine recuperarlo soltanto a pian terreno. L'identità del malcapitato non è stata resa nota in attesa che sia avvertita la famiglia.

La polizia fa due ipotesi, riferisce "The Phuket News". La prima è che l'uomo, che abitava al quarto piano, abbia preso l'ascensore per scendere, sia rimasto bloccato al terzo piano, sia riuscito ad aprire la porta ma poi sia caduto nel vano tra la cabina e la parete del pozzo. La seconda è che quando l'uomo ha chiamato l'ascensore, questo fosse già bloccato al terzo piano. La porta si sarebbe però ugualmente aperta e l'uomo sarebbe caduto nel vuoto. Il vano era talmente stretto da impedirgli di respirare, rileva la polizia, che sta tuttora cercando di delucidare l'inconsueto incidente.

http://www.thephuketnews.com/swiss-tourist-dies-in-bizarre-phuket-hotel-accident-52435.php

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS