Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Uno svizzero di 50 anni è stato sequestrato in Messico lo scorso 19 dicembre: ne dà notizia il settimanale romando "L'Illustré" in un articolo in esclusiva che sarà pubblicato nell'edizione di domani. I rapitori avrebbero chiesto un riscatto di 300'000 dollari (293'000 franci al cambio attuale). Berna conferma.
L'ostaggio è un industriale originario del Giura bernese, residente da una ventina d'anni nella città di Cuernavaca, a sud di Città del Messico, nella quale vendeva orologi svizzeri. L'uomo è scomparso mentre faceva jogging in un bosco vicino a casa sua, indica il settimanale in un'anticipazione odierna.
Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha confermato questa sera la notizia all'ATS. Il DFAE è "in contatto regolare con le autorità locali incaricate del caso, come pure con la famiglia della vittima", ha precisato il portavoce Adrian Sollberger.
Secondo "l'illustré" l'ambasciata svizzera in Messico avrebbe in un primo tempo rifiutato di incontrare la moglie dell'ostaggio, cosa che il DFAE smentisce. Sempre stando al settimanale, circa 10'000 franchi sarebbero già stati versati ai rapitori da un socio dello svizzero, il giorno dopo il sequestro. Da allora, i famigliari non avrebbero più avuto notizie dai rapitori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS