Navigation

Swiss Press Photo rende omaggio aRobert Frank

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2012 - 10:24
(Keystone-ATS)

Lo Swiss Press Photo per la carriera sarà attribuito quest'anno al fotografo di origine svizzera Robert Frank. Il riconoscimento della fondazione Reinhardt von Graffenried, dotato di ventimila franchi, sarà consegnato il 27 aprile allo Stadtheater di Berna. In quella stessa occasione saranno attribuiti i premi per le migliori fotografie pubblicate nella stampa svizzera e per il giornalismo locale.

Robert Frank, che oggi vive a New York con la moglie, l'artista June Leaf, è il secondo fotografo d'origine svizzera a ricevere il premio della fondazione Reinhardt von Graffenried.

Frank, nato a Zurigo nel 1924, ha ridefinito la fotografia del ventesimo secolo attraverso la sua opera eccezionale, spiega la fondazione in un comunicato. Si forma alla fotografia a Zurigo e Ginevra e fra il 1941 e il 1947 lavora come fotografo di scena. Al suo arrivo negli Stati Uniti viene assunto per Harper's Bazaar come fotografo di moda, anche se preferisce il reportage. Le sue immagini sono pubblicate nelle riviste svizzere (DU, Camera, NZZ) e internazionali (Life, Look, Paris-Match, Stern...).

Nel 1954 Robert Frank chiede una borsa della fondazione Guggenheim, accordatagli l'anno seguente. Durante due anni attraversa gli Stati Uniti munito della sua Leica e scatta migliaia di fotografie. Ne selezionerà ottantatre che diventeranno un libro. Il volume è pubblicato in un primo tempo in Francia nel 1958 da Robert Delpire con il titolo "Les Américains", e nel 1959 negli Stati Uniti con una prefazione di Jack Kerouac. Lo sguardo senza concessioni e il senso della composizione del fotografo renderanno l'opera mitica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?