Navigation

Swiss Re, impatto del coronavirus è gestibile

La pandemia non fa paura a Swiss Re. KEYSTONE/CHRISTIAN MERZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2020 - 15:05
(Keystone-ATS)

Il gruppo Swiss Re si ritiene ben attrezzato per far fronte alle conseguenze della crisi del coronavirus.

"L'impatto finanziario è ancora incerto, ma riteniamo che sia assolutamente gestibile", afferma Edi Schmid, che è Chief Underwriting Officer, cioè lo specialista dei rischi all'interno della direzione del riassicuratore zurighese.

Swiss Re dispone di un bilancio solido, di un portafoglio d'investimento ragionevole e di attivi garantiti. "Siamo quindi molto fiduciosi di riuscire a superare bene questa tempesta", ha detto Schmid in una conferenza telefonica.

Al momento - ha proseguito l'esperto - sussiste una certa pressione sugli assicuratori affinché si assumano la responsabilità per sinistri di per sé non coperti dalle polizze. Secondo il dirigente ciò potrebbe influire sulla sostenibilità del sistema assicurativo nel suo complesso. Inoltre alcuni rischi sono coperti anche da polizze di assicurazione sulla vita, come è il caso dei decessi dovuti al Covid-19.

Schmid si aspetta una crescente domanda di assicurazioni contro la pandemia. Tuttavia la capacità del settore di assumere un tale rischio sistemico ha i suoi limiti, avverte lo specialista. "Possiamo fornire protezione contro la pandemia solo in misura limitata e ci devono essere soluzioni che includano il sostegno dei governi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.