Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli accantonamenti da 186 milioni di franchi predisposti da Swisscom dopo la multa di analoga entità inflitta dal Tribunale amministrativo federale (TAF) per abuso di posizione dominante non hanno influsso sul dividendo prospettato dall'azienda.

Esso rimane a 22 franchi per il 2015. Lo ha indicato il responsabile delle finanze Mario Rossi all'agenzia Awp.

Stando al CFO la sentenza resa nota ieri dal TAF non può nemmeno essere considerata un precedente per altri procedimenti aperti, tanto più che non è ancora definitiva: verrà infatti impugnata davanti al Tribunale federale.

Rossi si è detto "molto deluso" del fatto che i giudici di San Gallo abbiano seguito le argomentazioni della Commissione della concorrenza. Swisscom rimane convinta di aver agito in modo perfettamente legale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS