Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le FFS e l'Unione dei trasporti pubblici (UTP) cancelleranno i dati che vengono raccolti attraverso il nuovo SwissPass. Vengono così incontro a una critica espressa dall'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT).

La gestione della banca dati dei controlli verrà sospesa alla fine di marzo 2016, si legge in un comunicato odierno congiunto di UTP e FFS. Il settore ambisce ora a disporre di basi giuridiche chiare "che permettano lo sviluppo di sistemi tariffari semplici per i clienti".

L'ufficio delL'IFPDT era intervenuto a metà febbraio affermando che la conservazione dei dati dei controlli non era necessaria ed era sproporzionata. Secondo mister dati ad interim, Jean-Philippe Walter, mancava inoltre una sufficiente base legale. E non si poteva escludere che lo SwissPass permettesse di allestire un profilo dei movimenti degli utenti.

UTP e FFS si dicono ora d'accordo con mister dati: le raccomandazioni saranno seguite. Le due entità sottolineano anche di ritenere prioritaria la protezione dei dati. Tuttavia a loro avviso le aziende dei trasporti pubblici devono poter registrare i dati per il controllo e la fatturazione: lo scopo è gestire moderni sistemi digitali di emissione di biglietti facili da utilizzare per i clienti e permettere di avere soluzioni di mobilità su misura. Serve però una base legale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS