Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Swissport sarà ceduto dalla società di partecipazione francese PAI Partners ad HNA Group Co. Ltd, un gruppo attivo a livello mondiale con sede ad Haikou, in Cina.

La società zurighese di assistenza al suolo negli aeroporti sarà venduta per 2,73 miliardi di franchi, indica Swissport in un comunicato odierno.

L'azienda zurighese rimarrà un'impresa autonoma all'interno di HNA Group, si legge nella nota. La transazione permette al gruppo cinese di completare le sue attività attuali, che comprendono aviazione, gestione di aeroporti, logistica e turismo.

La vendita deve ancora ottenere l'avallo delle autorità che vigilano sulla concorrenza. L'operazione dovrebbe essere completata entro la fine dell'anno.

"Siamo lieti di far parte di HNA Group e di continuare a rafforzare la nostra offerta di servizi e la nostra rete globale", ha commentato il presidente di Swissport Thomas Staehelin, contattato dall'ats. "HNA si impegna ad assicurare il successo futuro di Swissport sul mercato mondiale dell'aviazione", ha affermato dal canto suo il presidente del gruppo cinese Adam Tan.

HNA Group, fondato nel 1993, a livello planetario ha un organico di 110'000 persone, distribuite in undici aziende. Nel 2014 ha realizzato un fatturato di 25 miliardi di dollari (24,2 miliardi di franchi).

Swissport, filiale della defunta Swissair, è già passata nelle mani di vari proprietari. Nel febbraio 2002, l'ex compagnia di bandiera, dopo la sua débâcle, aveva ceduto il gruppo di assistenza al suolo alla società d'investimenti britannica Candover per 580 milioni di franchi.

Tre anni più tardi, quest'ultima aveva rivenduto l'azienda al gruppo spagnolo di costruzione e servizi associati Ferrovial per 520 milioni di franchi. Nel 2010 la società spagnola ha poi a sua volta ceduto il gruppo zurighese a PAI Partners per 900 milioni di franchi.

Swissport, che attualmente impiega circa 60'000 persone in 48 Paesi, si definisce leader mondiale dell'assistenza al suolo. Grazie in particolare all'acquisizione nel 2013 della società francese Servisair per 450 milioni di euro (540 milioni di franchi al corso di cambio dell'epoca), il gruppo ha registrato una progressione del fatturato del 40% nel 2014, a 2,9 miliardi di franchi.

Negli ultimi anni, in seguito a una concorrenza sempre più animata, la pressione sui costi è aumentata e Swissport ha adottato misure di risparmio sfociate in Svizzera in uno sciopero di parte del personale a Ginevra in febbraio.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS