Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Syna raccomanda al popolo di votare "sì" il 24 settembre alla riforma della previdenza vecchiaia 2020.

Il progetto - scrive il comitato del sindacato in un comunicato pubblicato oggi - assicura il finanziamento dell'AVS e delle casse pensioni, mantenendo il livello delle rendite o migliorandolo "in molti casi".

Il progetto è favorevole ai disoccupati di una certa età e ai lavoratori a tempo parziale, sottolinea Arno Kerst, presidente di Syna. Anche se l'innalzamento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni è una pillola difficile da ingoiare, le donne saranno le principali beneficiarie dei miglioramenti. Ma a questo cambiamento "deve essere abbinata un'uguaglianza effettiva dei salari", ha sottolineato.

Syna segue così la posizione dell'Unione sindacale svizzera (USS), del Sindacato dei servizi pubblici (VPOD) e dell'Unia che sostengono la riforma del consigliere federale Alain Berset.

Ieri alcune sezioni sindacali hanno invece deciso di costituire un comitato referendario: "La riforma adottata dal parlamento non va bene né per i pensionati, né per le donne, né per i lavoratori", ha dichiarato ieri Manuela Cattani, presidente della Comunità ginevrina di azione sindacale (CGAS), davanti ai media a Berna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS