Navigation

SZ: arrestarono innocenti, chiesta condanna per agenti speciali

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2012 - 15:21
(Keystone-ATS)

La procura di Svitto chiede una condanna a pene pecuniarie con la condizionale per i due poliziotti dell'unità speciale "Luchs" (Lince) che nel 2005, sulle tracce di un pericoloso criminale, avevano arrestato e ferito per sbaglio due persone innocenti ad Arth (SZ). Secondo il ministero pubblico svittese, i due agenti devono essere riconosciuti colpevoli di abuso di autorità e sequestro di persona. La sentenza è prevista per domani.

Il 5 giugno 2005, la polizia lucernese era stata avvertita da quella zurighese che in un locale notturno di Küssnacht (SZ) si trovava un criminale pericoloso colpito da un mandato di cattura internazionale. L'indicazione era però sbagliata.

Gli uomini della squadra speciale "Lince", mascherati e a bordo di un auto senza indicazioni di riconoscimento, avevano tentato di fermare a una stazione di servizio la vettura su cui ritenevano a torto fosse salito il ricercato. Ma senza successo. I due uomini a bordo, spaventati, si erano infatti dati alla fuga. L'inseguimento si era concluso ad Arth, dove le "linci" avevano bloccato l'auto e sfondato il finestrino. Durante l'arresto, gli agenti avrebbero anche picchiato i due occupanti, che erano poi stati rilasciati, ma avevano dovuto provvedere da soli a recarsi dal medico per farsi curare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?