Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel canton Svitto una cartolina ha impiegato quasi cinquant'anni per giungere a destinazione: gli auguri di Natale erano stati spediti nel 1965 a Ibach e sono arrivato questo lunedì a Illgau, situato ad appena 13 km di distanza.

Poiché l'invio era stato affrancato con 10 centesimi, il destinatario deve ora pagare la differenza con il costo di spedizione attuale.

A ricevere la cartolina è stato il figlio del destinatario: suo padre - così come il mittente - sono ormai morti. La letterina è in buono stato, a sorprenderlo è stata la calligrafia antiquata, ha spiegato all'ats confermando una notizia del "Bote der Urschweiz". Poi ha visto la data dell'invio: 16 dicembre 1965.

Il destinatario era un contadino di montagna, il mittente stava a valle. Quest'ultimo annunciava al suo conoscente di voler portare quattro giovani animali sull'alpe l'estate seguente e gli augurava "un Natale misericordioso" e buon anno nuovo.

La Posta non si spiega il motivo per cui la cartolina abbia impiegato così tanto tempo per raggiungere la sua meta. Forse è scivolata dietro o sotto un mobile durante l'elaborazione, ha ipotizzato un portavoce sul giornale.

Dato che il francobollo aveva un valore il 10 centesimi - troppo poco in base alle disposizioni attuali - il destinatario ha anche ricevuto un invito a pagare la differenza di 90 centesimi. "Forse mi prenderò anch'io cinquant'anni per pagarla", ha spiegato un po' divertito il figlio.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS