Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nove uomini e una donna sono stati riconosciuti colpevoli di tratta di esseri umani e promovimento della prostituzione oggi dal tribunale penale del canton Svitto. Il principale imputato, un 30enne turco, è stato condannato a 2 anni e 8 mesi di prigione, una pena pecuniaria da 60 aliquote giornaliere da 30 franchi e 1000 franchi d'ammenda.

I giudici hanno pronunciato in totale nove condanne detentive fra i 12 e i 32 mesi, in gran parte con condizionale di due o tre anni. Sempre in nove casi, sono state inflitte pene pecuniarie: la più elevata è di 256 aliquote giornaliere di 80 franchi (20'480 franchi). Quattro persone dovranno poi pagare ammende fra 600 e 1000 franchi.

Per la sola donna processata, il Pubblico Ministero chiedeva l'assoluzione, in quanto considerata prima di tutto una vittima: anche se sposata con il principale imputato viveva infatti un rapporto di dipendenza. I giudici hanno però ritenute che fosse anche lei una forza attiva nel reclutamento di ragazze. Per questo motivo l'hanno condannata a 21 mesi di carcere con la condizionale e ad una pena pecuniaria di 60 aliquote giornaliere da 70 franchi (4200 franchi).

Gli imputati "hanno comperato donne che non conoscevano una parola di tedesco da utilizzare come 'serve della gleba'". Le telefonate intercettate ricordano il commercio di bestiame, ha sostenuto la procuratrice nel corso del processo. Diverse donne erano scambiate come semplice merce tra un bordello di Tuggen (SZ) e un altro situato a Nidau (BE). A certe di loro veniva ritirato il passaporto.

Gli imputati, che reclutavano le donne in Romania, Bulgaria e Cechia, sono quattro di origine turca, due serbi, un rumeno, un bulgaro, un libanese e uno svizzero. Quest'ultimo, di 73 anni, era il proprietario del locale a Tuggen: dovrà scontare 13 mesi con la condizionale per promovimento della prostituzione.

Nel maggio scorso il Tribunale regionale del Giura bernese-Seeland aveva condannato a otto anni e mezzo di reclusione un 38enne turco, ex proprietario di un bordello di Nidau, accusato di tratta di esseri umani e incitamento alla prostituzione a danno di 45 donne. Un uomo del suo entourage dedito al traffico di droga è stato condannato a cinque anni e mezzo, altri due imputati rispettivamente a 30 e 20 mesi, in parte con la condizionale.

SDA-ATS