Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non hanno soddisfatto nessuno le condanne decise in giugno dal tribunale penale di Svitto ad un gruppo di persone accusate di tratta di esseri umani e promovimento della prostituzione: sia i dieci imputati, sia la procura hanno inoltrato ricorso al Tribunale cantonale. Lo ha riferito oggi all'ats una portavoce dello stesso tribunale, precisando che la data del dibattimento d'appello non è ancora fissata.

Il processo ha fatto seguito alla più vasta operazione di polizia di tutti i tempi in Svizzera in questo ambito, condotta alla fine di febbraio del 2007 nei cantoni di Berna e Svitto e conclusasi con l'arresto di sedici persone. Otto furono fermate in un hotel di Nidau (BE) e le altre otto in un bar di Tuggen (SZ).

In prima istanza, i giudici di Svitto hanno pronunciato sei condanne a pene detentive fra i 12 e i 32 mesi, in gran parte con la condizionale di due o tre anni. In nove casi, sono state inflitte pene pecuniarie (la più elevata è di 256 aliquote giornaliere di 80 franchi, ossia di 20'480 franchi). Quattro imputati hanno poi ricevuto multe fra i 600 ed i 1000 franchi.

Il principale accusato, un 30enne turco, è stato condannato a 2 anni e 8 mesi di prigione, ad una pena pecuniaria da 60 aliquote giornaliere da 30 franchi e a 1000 franchi di multa.

I condannati, nove uomini e una donna, sono originari di Turchia (4), Serbia (2), Romania, Bulgaria, Libano e Svizzera. Reclutavano le donne in Romania, Bulgaria e Cechia per poi costringerle alla prostituzione. Lo svizzero, di 73 anni, era il proprietario del locale di Tuggen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS