Navigation

Taiwan ridisegna i passaporti, evidenzia il suo nome

Taiwan ridisegna il suo passaporto per dare più risalto al nome dell'isola e per evitare confusione con la Cina KEYSTONE/EPA/DAVID CHANG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2020 - 09:57
(Keystone-ATS)

Taiwan ridisegna il suo passaporto per dare più risalto al nome dell'isola e per evitare confusione con la Cina.

Taipei ha riscontrato, tra l'altro, problemi per i suoi cittadini all'ingresso in altri Paesi, poiché i passaporti taiwanesi hanno adesso le parole "Republic of China", il nome formale, in grande e in alto, con "Taiwan" stampato in basso.

Il nuovo passaporto, che dovrebbe entrare in circolazione a gennaio, rimuoverà la scritta "Republic of China" pur rimanendo quella in caratteri cinesi, ma ingrandendo il nome "Taiwan".

Il ministro degli Esteri Joseph Wu ha affermato che i nuovi documenti sono necessari per evitare che i cittadini dell'isola siano scambiati per quelli della Cina continentale, soprattutto nei controlli all'ingresso intensificatisi ormai in molti Paesi.

"Dall'inizio dell'epidemia rilevata a Wuhan, la nostra gente ha continuato a sperare che potessimo dare maggiore risalto alla visibilità di Taiwan, evitando che le persone potessero erroneamente pensare che provenissero dalla Cina", ha detto Wu, nel resoconto dei media locali.

Pechino vede Taiwan parte inalienabile del suo territorio destinato alla riunificazione anche con la forza, se necessario, e rivendica il diritto di rappresentanza internazionale secondo il principio della 'Unica Cina', come fatto durante la crisi del Covid-19, a partire dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.