Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A inizio settembre, gli allievi di tutta la Svizzera torneranno a vendere i talleri di cioccolato di Pro Natura e dell'Heimatschutz: il ricavato di quest'anno è destinato alla conservazione dei prati fioriti.

Dalla metà del secolo scorso, tuttavia - rileva la fondazione Tallero d'oro - questi ambienti ricchi di vita vengono soppiantati dall'agricoltura intensiva, da strade ed edifici. I pendii erbosi nelle regioni di montagna che non vengono più falciati o usati come pascolo si ricoprono di arbusti e alberi. Il ricavato della vendita verrà destinato alla salvaguardia e alla promozione di questi fondamentali ambienti di vita, e ad altre attività di Pro Natura e dell'Heimatschutz Svizzera.

La fondazione ricorda che grazie alla vendita del tallero è stato possibile, ad esempio, scongiurare nel 1946 la costruzione di una diga sul Lago di Sils, con conseguente sommersione di questa splendida porzione di paesaggio dell'Alta Engadina. Nel 1950, invece, con il ricavato della vendita sono state acquistate e aperte al pubblico le Isole di Brissago, mentre nel 1974 è stato inaugurato il primo centro naturale e di formazione nella regione dell'Aletsch.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS