Navigation

Tariq Ramadan si rivolge al Tribunale federale

L'islamologo Tariq Ramadan KEYSTONE/AP/MICHEL SPINGLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2019 - 14:36
(Keystone-ATS)

L'islamologo Tariq Ramadan si è rivolto al Tribunale federale (TF) chiedendogli di ordinare a una querelante che l'ha accusato di stupro in un procedimento avviato a Ginevra, nonché agli avvocati della donna, di osservare il silenzio sulla vicenda.

La Corte penale dei ricorsi ginevrina (CPR), in precedenza, aveva respinto due volte una richiesta in questo senso. L'informazione, rivelata dalla "Tribune de Genève", è stata confermata oggi dagli avvocati della donna, Robert Assaël e Alec Reymond.

I due legali ritengono che al riguardo "non esiste segreto istruttorio" e che le parti sono "libere di esprimere il proprio parere sul caso". I difensori di Ramadan, Guerric Canonica e Pierre de Preux, non hanno voluto rilasciare commenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.