Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il senato di Berlino mette al bando i "tassisti" di Uber, nella capitale tedesca. L'impresa americana, che ha creato un'app per gli smartphone per agevolare la ricerca del taxi, deve immediatamente bloccare i suoi autisti in città. Una trasgressione del divieto potrà essere punita con multe salatissime: 25 mila euro.

"La protezione dell'utente ha priorità", ha spiegato il Senato berlinese. Non è tollerabile infatti che i passeggeri si trovino affidati ad "autisti" la cui competenza "non è verificata" e su veicoli "non dati in concessione".

Anche a Berlino come in molte città europee, i tassisti hanno protestato vigorosamente - l'11 giugno anche con una massiccia manifestazione - contro la concorrenza ritenuta sleale della compagnia americana, che mette a disposizione dei cittadini un servizio agevolissimo per intercettare taxi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS