Navigation

Telefono ex deputata catalana spiata in Svizzera

Il telefono della separatista catalana Anna Gabriel sarebbe stato spiato dalla Spagna mentre l'ex deputata si trovava in Svizzera. Immagine d'archivio. KEYSTONE/EPA EFE/ALBERTO ESTEVEZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 luglio 2020 - 12:17
(Keystone-ATS)

I telefoni dei separatisti catalani sarebbero stati spiati dalla Spagna. Fra le vittime, l'ex deputata Anna Gabriel, rifugiata a Ginevra. Il sospetto è che sia stata controllata anche mentre si trovava in Svizzera.

Secondo il suo avvocato Olivier Peter, contattato oggi dall'agenzia Keystone-ATS, se le autorità spagnole non hanno fatto domanda di assistenza alla Svizzera per un tale atto, "ci dovrà essere l'apertura di un procedimento penale". Se lo Stato spagnolo ha ascoltato un telefono nella Confederazione senza autorizzazione, "la trovo una cosa problematica e illegale", ha detto.

Il caso è stato portato ala luce ieri dal quotidiano britannico "The Guardian" e riguarderebbe un "programma spia" venduto dal gruppo israeliano NSO solamente a governi per tracciare terroristi e criminali. "Abbiamo sospetti" in proposito, ha affermato ancora Peter: "Il fatto che i servizi segreti spagnoli non abbiano negato, secondo noi conferma tutto".

Anna Gabriel si è rifugiata a Ginevra dopo il controverso referendum indipendentista svoltosi in Catalogna: nel 2018 la giustizia spagnola aveva emesso un mandato d'arresto per ribellione e altri capi d'accusa. In totale, le persone spiate sarebbero oltre 100.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.