Navigation

Telemedicina nelle farmacie, progetto pilota

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2012 - 10:21
(Keystone-ATS)

Da aprile, nell'ambito di un progetto pilota, 200 farmacie proporranno ai clienti di consultare un medico via teleconferenza. Il dottore stabilirà una diagnosi a distanza e, se necessario, invierà una ricetta per fax.

Il progetto, chiamato netCare, è previsto per due anni, indicano la Società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse), il Centro svizzero di telemedicina MEDGATE e l'assicuratore malattia Helsana in un comunicato comune.

I farmacisti disporranno di criteri e di istruzioni chiare quanto al modo di orientare i pazienti. La valutazione del problema di salute avviene con lo stesso metodo della telemedicina. La novità è che, se necessario, il paziente parla tramite un collegamento video con un medico di MEDGATE.

"Sono sempre più numerose le persone che non hanno un medico di famiglia e le unità di pronto soccorso sono costantemente sovraccariche di lavoro: in questo campo la rete di farmacie può prestare un aiuto efficace", afferma Dominique Jordan, presidente di pharmaSuisse, citato nella nota.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?