Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una donna, di nazionalità portoghese, ricercata perché sospettata di aver voluto uccidere il marito lo scorso aprile a Rossens (FR), è stata arrestata in Brasile. È quanto ha indicato stamane il Ministero pubblico friburghese.

Contro la portoghese - finita in manette il 21 luglio alla periferia di Rio de Janeiro - era stato avviato un procedimento penale per tentato omicidio, o eventualmente tentato assassinio. La Procura ha avviato le pratiche in vista dell'estradizione.

Moglie e marito, quest'ultimo di nazionalità belga, erano in istanza di divorzio: l'indagata, il 23 aprile scorso, si presentò al domicilio coniugale assieme a un amico brasiliano e sotto la minaccia di un'arma costrinse il consorte a bere un liquido la cui composizione non è stata resa nota per "motivi di indagine".

L'uomo cadde a terra, venne percosso dal brasiliano, mentre la portoghese "gli assestò una coltellata al polso sinistro", si legge in un comunicato. La vittima riuscì comunque a rifugiarsi presso un vicino, mentre i suoi aggressori fuggirono facendo perdere le tracce.

Assieme alla donna è stato arrestato anche il suo compagno brasiliano, che non può però essere estradato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS