Navigation

Terminata la sessione autunnale: approvate numerose leggi

Finisce la sessione (e la legislatura), è tempo di saluti KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2019 - 11:24
(Keystone-ATS)

La revisione della legge sulla caccia, quella dei diritti d'autore, la creazione di un sistema di identità digitale, l'introduzione di un congedo paternità e l'aumento delle deduzioni fiscali per i figli.

Sono questi - senza dimenticare la rielezione di Michael Lauber - i principali dossier portati a termine in questa sessione autunnale delle Camere federali, l'ultima della 50esima legislatura.

Tra le decisioni più importanti prese dal Parlamento figura l'introduzione di un congedo paternità di due settimane che i neo papà potranno far valere nei primi sei mesi dalla nascita di un figlio. Il progetto è stato concepito in risposta all'iniziativa popolare per un stop di quattro settimane che le Camere federali raccomandano di bocciare.

Sempre in tema famigliare, è stato deciso di aumentare da 10'100 a 25'000 franchi delle deduzioni per la custodia della prole al di fuori della famiglia nell'imposta federale diretta (IFD). Dopo un lungo tira e molla, il Parlamento ha deciso anche di aumentare - da 6'500 a 10'000 franchi - le deduzioni generali per i figli minorenni, che fanno un apprendistato o degli studi.

Molto discutere ha fatto anche la modifica della legge sulla caccia, che permetterà l'abbattimento più facile dei grandi predatori. Il Parlamento ha anche adottato le basi legali che permetteranno di creare una identità digitale (eID) riconosciuta dallo Stato.

Durante queste tre settimane, le Camere hanno anche terminato la revisione della legge sul diritto d'autore che mira a lottare contro chi rende accessibile in maniera illegale dei contenuti. A Camere riunite, e dopo settimane di dubbi, il Parlamento ha poi rieletto Michael Lauber alla carica di procuratore generale della Confederazione per il periodo 2020-2023, con 129 voti su 243 schede valide.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.