Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dal primo terremoto di giovedì sera, nella prefettura di Kumamoto, fino alle 11:00 del mattino di lunedì, si sono susseguite almeno 500 scosse di assestamento nell'isola del Kyushu.

Nella città di Kumamoto, che dà anche il nome all'omonima prefettura, ben 3 terremoti con un magnitudo superiore a 4 hanno avuto luogo tra la mezzanotte di domenica e la tarda mattinata di lunedì.

Ancora più alta la frequenza all'interno della prefettura di Oita, con 5 scosse di assestamento di magnitudo 3 nella giornata di domenica. I meteorologi prevedono pioggia intermittente che potrebbe favorire la formazione di slavine in un territorio già provato dai recenti crolli delle principali arterie stradali e gli smottamenti del terreno lungo i collegamenti di molti Paesi all'interno.

Il bilancio dei morti accertati è di 42 persone, mentre mancano ancora all'appello nove persone nel villaggio di Minamiaso, investito da una valanga. Dall'inizio dell'attività sismica circa 105.000 persone sono state sfollate dalla prefettura di Kumamoto e 270.000 abitazioni hanno registrato l'interruzione dei servizi idrici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS