Navigation

Terremoti: Turchia, 50 indagati per post social

Una bambina salvata da un soccorritore. KEYSTONE/EPA/BJW sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2020 - 11:59
(Keystone-ATS)

La procura di Ankara ha aperto un'inchiesta su almeno 50 persone accusate di aver condiviso messaggi "provocatori" sui social media in relazione al terremoto che venerdì sera ha colpito la provincia orientale turca di Elazig.

I magistrati accusano gli indagati di aver diffuso "panico" e "offeso il popolo turco, la Repubblica di Turchia e le istituzioni statali", condividendo anche "immagini false" della tragedia.

Dopo la scossa, diversi utenti avevano criticato nei loro post presunte violazioni delle norme antisismiche nell'area colpita e nella Turchia in genere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.